Documenti › Rosareccio (alpe, Macugnaga)

Controversia. Vogogna, 1400 - 1499

Negozi e cause tra vari privati di Macugnaga da una parte e privati della valle Anzasca dall'altra per il possesso degli alpi Pedriola e Rosareccio a Macugnaga. [Prof. Enrico Rizzi]

Informazioni
Originali. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, I

Pubblicazioni
E. RIZZI, Walser Regestenbuch. Quellen zur Geschichte der Walseransiedlung. Fonti per la storia degli insediamenti walser (1253-1495), Anzola d'Ossola 1991, p. 69, n. 108

Vendita. Bannio Anzino, 1423 Maggio 3

Informazioni
Originale. Milano, Archivio di Stato - Notarile, 19557
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Bibliografia
E. RIZZI, L. ZANZI e T. VALSESIA, Storia di Macugnaga, Anzola d'Ossola 2006, p. 123 ssg.

Vendita. Bannio Anzino, 1423 Giugno 27

Bartolomeo Tonsi "de Albertacio" vende per cento lire imperiali a Pietro del fu Bartolomeo detto "Tonsi Veride", Bartolomeo del fu Giovannino detto "Tonsi Veride" e Bartolomeo del fu Bertolo detto "Anricus", tutti di Calasca, gli alpi Pedriola e Rosareccio, acquistati da alcuni uomini di Macugnaga il 3 maggio dello stesso anno. [Ester Bucchi de Giuli]

Informazioni
Originale. Milano, Archivio di Stato - Notarile
Lingua: Latino

Bibliografia
E. RIZZI, L. ZANZI e T. VALSESIA, Storia di Macugnaga, Anzola d'Ossola 2006, p. 123 ssg.

Compravendita. Bannio Anzino, 1441 Novembre 21

I fratelli Giovannino e Giovanni del fu Bartolomeo detto "Copatus" di San Carlo dichiarano di aver ricevuto quattordici lire imperiali da Giovanni del fu Barba di Calasca, quale prezzo della vendita del diritto d'erba di ventuno denari - sul complesso di sei lire imperiali - relativo agli alpi Rosareccio e Pedriola, nel territorio di Macugnaga, unitamente ai vari diritti pertinenti, compreso quello relativo all'utilizzo della caldera. [Ester Bucchi De Giuli]

Informazioni
Originali. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, 3
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
E. RIZZI, Storia dei Walser dell'ovest. Vallese, Piemonte, Cantone Ticino, Valle d'Aosta, Savoia, Oberland Bernese, Anzola d'Ossola 2004, p. 103 (regesto).
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, p. 33-34 (trascrizione, in data 1451 novembre 21).

Note

Vendita. Bannio Anzino, 1457 Dicembre 4

Guglielmo del fu Castiglione "Soldati" di Ciola dichiara di aver ricevuto da Giovannino del fu Guglielmo detto "Barba" di Calasca venticinque soldi imperiali quale prezzo della vendita del diritto di due denari d'erba relativo all'alpe Rosareccio, nel territorio di Macugnaga, facendo l'intera alpe il corrispettivo di sei lire. [Ester Bucchi De Giuli]

Informazioni
Originale. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, III
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 35-36

Compravendita. Calasca, 1492 Novembre 27

Giovannino del fu Matteo Pietro "Tonso Verde" di Calasca dichiara di aver ricevuto da Bartolomeo suo fratello ventotto lire imperiali quale prezzo della vendita di sedici denari d'erba e dell'alpiario relativi all'alpe Rosareccio, sito nel territorio di Macugnaga - consistendo l'intero alpe di sei lire - e di un soldo d'erba relativo agli alpi Rogolo e Burki - costituendo gli alpi complessivamente di sei lire -, unitamente a tutti i diritti relativi all'alpiario e all'uso della caldera, e a tutti gli accessi fino alla strada pubblica. [Ester Bucchi De Giuli]

Informazioni
Originale. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, III
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 43-44.

Vendita. Calasca, 1516 Ottobre 18

Domenico del fu Pietro "Zanoya" di Calasca vende a Domenico del fu Antonio "de Boyti" di Calasca sei denari dell'erba e dell'alpiario degli alpi Rosareccio e Pedriola, con relativi casera, caldera e diritti di accesso, al prezzo di sette lire e quattro soldi imperiali. [Prof. Tullio Bertamini]

Informazioni
Originale. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, III
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 52 (regesto)

Vendita. Calasca, 1517 Febbraio 18

Domenico del fu Pietro "Zanoya" di Calasca vende a Domenico del fu Antonio "Boyti" e a Giovanni del fu Pietro "Saddi", entrambi di Calasca, sei denari dell'erba e dell'alpiario relativi algli alpi Rosareccio e Pedriola, con annesse caldera e casera, computata in sei lire imperiali, al prezzo di sette lire e quattro soldi imperiali. [Prof. Tullio Bertamini]

Informazioni
Originale. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, III
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 52 (regesto)

Vendita. Calasca, 1521 Novembre 24

I fratelli Antonio e Giovanni del fu Bartolomeo di Pietro "Zanoreti" di Calasca vendono a Pietro del fu Giovanni "della Preta" di Calasca quattro denari d'erba e dell'alpiario, con casera e caldera, relativi agli alpi Rosareccio e Pedriola, siti nel territorio di Macugnaga, al prezzo di cinque lire imperiali. [Prof. Tullio Bertamini]

Informazioni
Originale. Isola Bella, Archivio Borromeo - Feudi, Vogogna, III
Supporto: Pergamena | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 52 (regesto)

Permuta. Calasca, 1529 Gennaio 22

Informazioni
Originale. Domodossola, Archivio di «Oscellana»
Supporto: Doc. cartaeo | Lingua: Latino

Pubblicazioni
T. BERTAMINI, Storia di Macugnaga, Macugnaga 2005, pp. 54-55 (trascrizione)