Bibliografia

Biondi Stefan 1991
600 Jahre Pfarrei St. Jodok Mittelberg, Mittelberg,

Bologna Paolo 1995
Candelora a Salecchio: appunti di viaggio, contenuto in Rivista Ossolana, 2, Verbania, Marzo 1995

Bonnefoy J.A. 1879
Documents relatif au Prieuré et à la Vallée de Chamonix recueillis par J.A.Bonnefoy, Chambery,

note: Publiés et annotés par A. Perrin

Bonzani Giacomo 1993
Una cappella di fronte al Monte Rosa, contenuto in Oscellana, 4, Domodossola, Ottobre-Dicembre 1993

Salendo per la morena tra il Belvedere e il rifugio Zamboni, si incontra la cappella Mazza.

Breu Armin Peter 1969
St. Theodul, Patron der Käser, contenuto in Kath. Schweizer Bauer, 4, 1969

San Teodulo, Patrono dei casari.

Breu Armin Peter 1970
Wie Oberkirch zu St. Theodul, dem zweiten Patron seiner Pankratiuskirche kam, contenuto in Luzerner Landbote, 36, 38, Luzern, 1970

Come Oberkirch giunse a designare San Teodulo come suo secondo patrono.

Breu Armin Peter 1968
Kapellen und Kirchen im Walserraum, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 1, Visp, Novembre 1968

Oratori e chiese nelle aree walser. Escursione alla scoperta della storia ecclesiastico-religiosa del Piccolo Walsertal e del Tannberg.

Breu Armin Peter 1972
Der Dorfbrunner auf dem Menzberg, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 2, Visp, Novembre 1972

Buccelloni Carlo 1997
Il restauro dell'organo della parrocchiale di Rimella, contenuto in Rémmallju, , Rimella, Luglio 1997

Büchel Johann Baptist 1902
Geschichte der Pfarrei Triesen, contenuto in Jahrbuch des Historischen Vereins für das Fürstentum Liechtenstein, 2, Vaduz, 1902

Storia della Parrocchia di Triesen. Storia della colonizzazione di Triesenberg ad opera dei Walser.

Bucher Engelbert
Pfarrei und Pfarreileben von Triesenberg, Triesenberg,

Parrocchia e vita parrocchiale di Triesenberg. Subito dopo l’immigrazione dei Walser (alla fine del XIII secolo), costruzione di una Chiesetta a Masescha e appartenenza religiosa alle parrocchie delle Valli di Schaan e di Triesen. Fondazione della Parrocchia di Triesenberg 1767/68. Serie e successione dei parroci e dei cappellani (Frühmesser sono cappellani che avevavo il compito di celebrare la messa mattutina alla domenica e nei giorni festivi e spesso venivano chiamati per amministrare i sacramenti al posto del parroco).

note: senza l'anno di pubblicazione, probabilmente: 1962

Bucher Engelbert 1957
Kapelle im Steg 1817-1957, Triesenberg o.J.,

Cappella a Steg 1817-1957. Storia della Cappella situata sul pascolo alpino di Triesenberg a Steg (Valle di Malbun) dalla sua fondazione nel 1817 sino al suo restauro del 1957.

Bucher Engelbert 1966
St. Theodul, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 2, Visp, Novembre 1966

Nome (Teodulo, Teodoro, Joder), storia e leggenda. Si segnalano in particolare le pp.: 14-15: «San Teodulo e i Walser»: è forse l'adorazione nei confronti di San Teodulo una prova della discendenza dei coloni dal Vallese? Leggende sul Santo Teodulo e diffusione del culto.

Bucher Engelbert 1965
Zum Walser-Treffen in Triesenberg, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 1, Visp, Maggio 1965

Il parroco Engelbert Bucher ripercorre gli eventi principali legati alla storia della piccola chiesa di Masescha, sottolineando come tutta la storia dei Walser di Triesenberg sia ad essa fortemente collegata. Elenca inoltre le principali questioni che i rappresentanti delle comunità walser dovranno affrontare in occasione del Walser Treffen che si terrà a Triesenberg il 18 e il 19 giugno quali: forma giuridica del Walser Institut sito presso il castello di Stockalper a Briga; statuti; finanziamenti a sostegno di tale Istituto; rivista Wir Walser; scadenza periodica dei Walser Treffen; quale comunità walser ospiterà il prossimo raduno dei Walser.

Bucher Engelbert 1978
Der Walserpatron: St. Theodul oder St. Joder, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 2, Visp, Dicembre 1878

Bucher Engelbert 1971
St. Theodul, Schutzpatron der Käserei?, contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 2, Visp, Novembre 1971

Busso don Ugo 1989
Omelia della messa in töitschu e in titsch, contenuto in Augusta, , Issime, 1989

Busso don Ugo 1992
Traduzione dell'omelia dal töitschu e dal titsch, contenuto in Augusta, , Issime, 1992

Busso don Ugo 1992
Walseroabe a Gressoney La Trinité. Omelia della messa nel dialetto Töitschu di Issime. Walseroabe a Gressoney La Trinité. Omelia della messa nel dialetto Titschu di Gressoney, contenuto in Augusta, , Issime, 1992

Caduff Toni 1963
Igels, contenuto in Neue Bündner Zeitung, 93, Chur, 1963

L'autore presenta la storia più antica, la situazione ecclesiastica e le problematiche economiche del presente.

note: Bündner Gemeindechronik (Cronaca dei Comuni del Cantone dei Grigioni)

Calcaterra Carlo 2006
Funerale ad Agaro,

Camenisch C. 1899
Stiftungsurkunde der "ewigen Mess" zu Tschiertschen vom Jahre 1488, contenuto in Bündner Monatsblatt, , Chur, 1899

Capra L. 1994
Immagini di devozione popolare nel territorio di Ayas.Pitture murali su abitazioni, cappelle e oratori, dal XVI° al XX° secolo in un comune della Valle d'Aosta, Ivrea, Priuli & Verlucca, pp. 116

Lettura di immagini di devozione popolare dipinte sulle abitazioni nel territorio di Ayas. Testimonianze dell'importanza della religiosità nello spazio alpino.

Cazzaniga Giuseppina 2001
Festa della Candelora nel borgo a Salecchio, contenuto in L'aquilone, 1, Domodossola, Piccola cooperativa A 3, Febbraio 2001

Cerutti Lino 1980
Pellegrinaggi vallesani all'isola di San Giulio, contenuto in Lo Strona, 1, Valstrona, Francesco Ghezzi, Gennaio-Marzo 1980

Cerutti Lino 1997
Quattrocento anni fa, contenuto in Le Rive, 1, Gravellona Toce, Gennaio-Febbraio 1997

note: Visita del vescovo Carlo Bescapè in Valstrona nel 1597.

Cesa Alessandra 1995
Al Gabbio grande di Carcoforo. L'oratorio della Madonna della Neve, contenuto in Le Rive, 1, Gravellona Toce, Gennaio-Febbraio 1995

Clavadetscher Erhard 1942
Zur Geschichte der Walsergemeinde Avers, contenuto in Bündner Monatsblatt, , Chur, 1942

Per una storia della comunità walser di Avers. Situazione vigente prima della immigrazione dei walser. L’immigrazione si verificò nella prima metà del XIV secolo; i cognomi mostrano una connessione con la storia dell'insediamento. Posizione privilegiata per quanto concerne l’organizzazione politica dei Comuni. Condizioni economiche e situazione ecclesiastica.

Clos J.A. 1997
Mémoire de la Paroisse d'Ayas (1899), Aoste, Imprimerie E. Duc, pp. 223

Auguste Clos (1835- 1909), nativo di Lillianes, fu parroco d'Ayas. Egli ha lasciato un volume, le memorie e gli atti della sua parrocchia, che ricopre ben cent'anni e tre curati: Anselme Machet, François Dandrès e lui stesso. Testimonianza della storia della Val d'Ayas, risalente a tempi in cui chiese ed archivi ecclesiastici rappresentavano le fonti di cronaca di un popolo.

Comitato Comunità Walser 1992
10. Convegno Internazionale di Studi Walser. La religiosità popolare nella cultura Walser, contenuto in Il Rosa, 4, Macugnaga, 1992