Bibliografia

König Werner 1980
Historische, geographische und soziale Uebergänge im alemanischen Sprachraum, München,

Volume riguardante aspetti storici, geografici e sociali dei territori di lingua tedesca.

note: Schriften der Philosophischen Fakultäten der Universität Augsburg

Körner Martin 1996
Quand la Montagne aussi a une Histoire. Mélanges offerts à Jean-François Bergier, Bern, Stuttgart, P. Haupt, pp. 480

35 contributi rendono omaggio a Jean-François Bergier, storico dell'economia svizzera e del mondo alpino. Saggi di approccio storico, economico e giuridico sullo spazio alpino.

Kreis Hans 1958
Die Walser. Ein Stück Siedlungsgeschichte der Zentralalpen., Bern,

I Walser. Una parte di storia relativa agli insediamenti delle Alpi Centrali. Prima grande sintesi della questione Walser. Gli abitanti originari del Vallese, nascita e sviluppo delle colonie walser, motivi e ragioni dell’emigrazione, status giuridico, sistema economico e tipologie d’insediamento, dialetto, sviluppo economico, giuridico e sociale. I Santi Walser, cognomi e nomi, considerazioni linguistiche con un elenco di diversi termini dialettali. Sorte e destino dei Walser per quanto concerne l’evoluzione politica, giuridica e sociale. Punto di vista adottato dai Walser nei confronti della Riforma e dell’ambiente. Scomparsa dell’insediamento Walser a Calfeisen. Mutamenti economici e loro conseguenze per il patrimonio e la natura dei Walser (Walsertum). Riferimenti letterari e un indice ricco di fonti.

Kuratli Jakob 1958
Di gfreyta Walser am Gunza un im Pilfriis., Mels Flums, Mels und Flums,

Storia e leggenda nel dialetto di Wartau. L'autore tratta le seguenti tematiche: origine dei Walser, immigrazione, organizzazione, insediamento, storia e destino, natura dei pascoli alpini, economia, folclore. Presenta inoltre del materiale linguistico prezioso con un glossario dettagliato e con relative spiegazioni delle parole.

note: illustrazioni di Meinrad Bächtiger

Laely Andreas 1952
Davoser Heimatkunde., Davos,

p. 127 e sg.: sulla gestione dei pascoli e degli alpeggi.

note: Beiträge zur Geschichte der Landschaft Davos (Contributi sulla storia del paesaggio di Davos)

Längle Otmar 1992
Die Walser in Churrätien, Dornbirn, Voralberger Verlaganstalt Ges.m.b.H, pp. 160

Il volume descrive la storia e l'evoluzione degli insediamenti walser in Churrätien, nei Grigioni, in Liechtenstein e nel sud del Voralberg. Inoltre cenni di carattere politico, economico e culturale.

Lapaire Claude 1969
Schweizer Museumsführer, Bern,

P.36: Arosa, il museo locale di Schanfigg nel quale sono conservati oggetti di cultura materiale, mobili ed oggetti che testimoniano la vita all'interno delle abitazioni private, attrezzi e strumenti agricoli. P.90: il museo locale di Davos (ospita una collezione inerente al territorio della giurisdizione del decimo tribunale dei Grigioni, costituita nel 1935 e aperta al pubblico dal 1942, con arredamento per interni relativo ad abitazioni di contadini e patrizi del territorio di Davos. Oggetti relativi all'economia domestica, attrezzi e strumenti agricoli). P.121: Klosters, museo locale Nutli-Hüsli (raccolta storico-culturale del Prättigau. Casa rurale del 1564 con oggetti d'uso comune di Klosters e risalenti ad un epoca precedente il 1850: mobili, tessuti, oggetti relativi all'economia domestica). P.202: Vals, Gandhaus (museo locale) ospita una raccolta di oggetti legati alla vita e alla cultura dei contadini walser: arredamento, oggetti relativi all'economia domestica, attrezzi e strumenti.

note: seconda edizione

Leemann Walter 1928-1929
Zur Landschaftskunde des Tavetsch (Natur, Wirtschaft, Siedlung), contenuto in Mitteilungen der Geographisch-Ethnographischen Gesellschaft, , Zürich, 1928/1929

L'allevamento del bestiame è più diffuso rispetto all'agricoltura - ciò è dovuto alla situazione morfologica. Nel corso del XVIII secolo si è verificato un mutamento per quanto riguarda l'aspetto e la struttura dell' insiediamento a causa dell'abbandono delle singole fattorie (Einzelhöfe - masi isolati) e la loro unione a gruppi di strutture più grandi (Casali-cascinali).

note: Tesi del 1928, a Zurigo.

Leonhardi 1876
Wanderung durch Safien, contenuto in Neue Alpenpost, , Zürich, 1876

Storia con una particolare considerazione per l' immigrazione dei Walser. L' autore suppone che per Safien la colonizzazione sia in parte sveva. Agricoltura ed economia alpina.

note: v.3 e v.4 (pp.267-269, 362-365)

Litschgi Umberto 1978
Auf den Spuren zweier Gressoneyer Handelsleute ( Walser Volkstum: Forschungen und Meinungen), contenuto in Wir Walser / Halbjahresschrift für Walsertum, 1, Visp, Giugno 1978

Liver Peter 1953
Die Walser in Graubünden, contenuto in Bündner Monatsblatt, , Chur, 1953

Nei Grigioni ancor prima dell'immigrazione dei Walser ebbe luogo un processo di germanizzazione attraverso il commercio e la circolazione, così come ad opera della nobiltà feudataria di lingua tedesca. Alcune caratteristiche particolarmente evidenti spinsero gli storiografi a formulare presto delle supposizioni e delle ipotesi circa l'origine, la provenienza dei Walser, così come sulla nascita e lo sviluppo delle colonie. La diffusione dei Walser nei Grigioni avvenne principalmente attraverso le due colonie originarie del Rheinwald e di Davos, accanto ad un' immigrazione diretta nella Valle del Reno Anteriore. La colonizzazione, l' attività intensa di insediamento così come la forte diffusione condussero ad un rapido processo di germanizzazione dei territori di lingua romanza. Libertà personali, forme economiche di carattere individuale; posizione giuridica nei confronti dei signori, sovrani, e della popolazione precedentemente stanziata in tali località.

note: Il presente contributo si può trovare: edito da Walter Schmid, Berna, 1942 (Pro Helvetia v.5), pp.41-54; ristampa in: Abhandlungen zur schweizerischen und bündnerischen Rechtsgeschichte, Chur, 1970, pp.681-699

Liver Peter 1936
Zur Wirtschaftsgeschichte der freien Walser, contenuto in Davoser Revue, 8, 9, Davos, 1936

Importanza principale della produzione di latte e latticini. Organizzazione di carattere giuridico e privata per quanto concerne lo sfruttamento e la coltivazione del suolo. Lo sviluppo economico avvenuto sotto la protezione dei signori feudali comportò scontri e contrasti con la popolazione romanza.

Lorez Christian 1943
Bauernarbeit im Rheinwald, Basel,

Metodi e attrezzi agricoli, la loro terminologia nelle colonie walser che sono documentate più anticamente nei Grigioni. Notizie storiche: la colonia walser del Rheinwald. Osservazioni di carattere linguistico sugli oggetti, case private e fabbricati di servizio, prati e pascoli, bosco e legna, fienagione, allevamento del bestiame, produzione di latte e latticini, forme economiche legate ai pascoli alpini, economia domestica, agricoltura. Breve sintesi sulla fonetica e sulla flessione (sistema di declinazione e coniugazione). Immagini di attrezzi e di attività lavorative.

note: 25 v.; illustrato.

Maccagni Carlo 1988
Questioni metodologiche relative alla conservazione museale della tecnologia walser, pp. 295-303

Maistre C. 1988
Colporteurs et marchands Savoyards dans l'Europe des XVII° et XVIII° siècle, Annency, Académie Salésienne,

Maistre G. 1988
Colporteurs et marchands Savoyards dans l'Europe des XVII° et XVIII° siècle, Annency, Académie Salésienne,

Mani Benedikt 1963
Schams, Avers und Rheinwald. Landschaft und Geschichte., contenuto in Terra Grischuna, 4, Chur, 1963

Breve compendio storico con un'attenzione particolare riguardante il transito sul valico e l' industria mineraria.

Mathieu Jon 1992
Eine Agrargeschichte der inneren Alpen. Graubünden, Tessin, Wallis 1500-1800, Zürich, Chronos Verlag, pp. 367

Una storia agraria delle Alpi tra il 1500 e il 1800. Cambiamenti nell'allevamento alpino, difficoltà d'indagine.

Maulini Virginia 2000
Ferrovia internazionale del Monte Rosa, pp. 138-146

Meinherz Paul 1965
Der Kreis Maienfeld. Die Bündner Herrschaft, contenuto in Neue Bündner Zeitung, 130, Chur, 1965

Il circolo di Maienfeld, La signoria dei Grigioni. Viticoltura. Dalla Signoria dei Brandiser ai tre Grigioni, stati-patti.

note: Bündner Gemeindechronik (Cronaca dei Comuni dei Grigioni)

Meng Johann Ulrich 1968
Die freien Walser in Hintervalzeina und an den Hängen des Churer Rheintales, contenuto in Jahresbericht der Walservereinigung Graubünden, , Chur, 1968

Prima menzione dei Walser nella Valle Valzeina 1367/75. Sistema economico e tipologie costruttive. Finestre dell'anima «Seelenbalken». Progressiva e lenta emigrazione nella valle romanza di Says e scioglimento della Lega tra i comuni di Trimmis-Hintervalzeina (Valzeina posteriore che comprende il territorio dietro lo Engi sino all'Alpe Laubenzug).

Meng Johann Ulrich 1935
Von den Wallisern und Walsern, contenuto in Neue Bündner Zeitung, 31-34, Chur, 1935

Sui Vallesani e sui Walser. Meng descrive la situazione e le condizioni vigenti nella terra d’origine. I motivi dell’emigrazione. Offre campioni di lingua e pone a confronto nomi e cognomi di famiglie tra i Grigioni e il Vorarlberg. Analogie e confronti per quanto riguarda il sistema economico e la tipologia d’insediamento tra le zone Walser e il Vallese.

Metz Friedrich 1960
Vorarlberg: Landschaft, Kultur, Industrie, Lindau-Konstanz, Thorbecke, J., pp. 182

Paesaggio, cultura e industria nel Vorarlberg.

note: Illustrato con cartine.

Meyer Marthaler Elisabeth 1941
Zur Frage der Walser im Oberhalbstein, contenuto in Bündner Monatsblatt, , Chur, 1941

Influenza dei Walser sulla situazione politica e giuridica, così come sul sistema economico. Immigrazione dei Walser «come contadini e in particolare come allevatori di bestiame» (p.333) intorno alla metà del XIV secolo; territorio d'origine Avers. Microtoponimi e nomi propri di persone vengono presentati come tracce dei Walser nello Oberhalbstein (confronta anche: Grisch, Giatgen,«Zur Walserfrage im Oberhalbstein», 1942, pp. 118-124).

Meyer Marthaler Elisabeth 1944
Die Walserfrage. Der heutige Stand der Walserforschung, contenuto in Zeitschrift für Schweizerische Geschichte, , Zürich, 1944

La questione Walser. Lo stato attuale della ricerca sui Walser. Panoramica sulle diverse problematiche concernenti la storia dei Walser, in particolare l’origine, i motivi dell’emigrazione, gli inizi, i percorsi emigratori, formazione dei comuni (Gemeindebildung), lingua e toponimi, tipologie d’insediamento, economia, status giuridico con un ricco apparato di voci bibliografiche.

Monterin Marta 2005
Hie de chésch. Qui la toma, contenuto in Augusta, , Issime, 2005

Il testo, che segue nei dettagli (supportato anche da un buon apparato fotografico) l'economia casearia nella valle di Gressoney, è arricchito da numerose testimonianze nel dialetto locale (titsch)

note: Catalogo di una mostra annuale all'Alpenfaunamuseum Beck-Pecoz, dedicata alla toma di Gressoney

Montoli Sara 2006
Alpeggio walser, una ricerca sugli alpeggi di Macugnaga e Formazza, contenuto in Il Rosa, 4, Macugnaga, 2006

Moritz Alois 1956
Die Almwirtschaft im Stanzertal. Beiträge zur Wirtschaftsgeschichte und Volkskunde einer Hochgebirgslandschaft Tirols, Innsbruck,

Pp.119-122: l'immigrazione dei Walser contribuì alla nascita e allo sviluppo di alpeggi gestiti sotto forme di tipo consorziale.

note: 137 v., Schlern-Schriften (Schlern-Scritti)

Mortarotti Renzo 1979
I Walser nella Val d'Ossola. Le colonie tedesco-vallesane di Macugnaga, Formazza, Agaro, Salecchio, Ornavasso e Migiandone, Domodossola, Libreria Giovannacci, pp. 390

Ampio saggio di natura descrittiva delle colonie walser nella Val d'Ossola: Ornavasso, Macugnaga, Formazza, Salecchio. Posizione geografica, nascita e sviluppo delle colonie, diritto walser, caratteristiche religiose, cenni linguistici.

Müller Iso 1942
Disentiser Klostergeschichte, Einsiedeln-Köln,

Pp. 121-124: nel XII secolo ha inizio l'emigrazione walser nella valle romanza di Ursern; consegne e tributi al convento di Disentis. Dalla Valle di Ursern ebbe luogo un ulteriore creazione di insediamenti, in particolare nello Obersaxen. Già nel 1213 compaiono nomi walser tra i religiosi di Disentis.